Arts

Due Giuditta-Oloferne Artemisia, insieme

Due Giuditta-Oloferne Artemisia, insieme(N.Castagni – Ansa, 18/02/17) – La prima versione della ‘Giuditta che decapita Oloferne’, dipinta da Artemisia Gentileschi nel 1617, e ancora più cruda e vibrante della successiva realizzata per Cosimo II dei Medici nel 1620, arriva a Roma per essere allestita nella grande mostra che celebra a Palazzo Braschi la straordinaria pittrice seicentesca. Custodita al Museo di Capodimonte, l’opera è stata affiancata a quella conservata agli Uffizi, esposta al Museo di Roma già dall’apertura della rassegna ‘Artemisia Gentileschi e il suo tempo’ (il 30 novembre), in un confronto diretto di rara suggestione e assai di rado proposto al pubblico.

Lo splendido capolavoro è giunto nel tardo pomeriggio, protetto dalla sua specifica cassa a prova di rischio, che è stata aperta all’ingresso del palazzo, ai piedi dello scalone monumentale. Di grandi dimensioni (159 per 126 centimetri), il dipinto è stato portato a braccia dalle maestranze fino al primo piano, nella sala, forse la più bella della mostra, dove era appunto allestita la Giuditta degli Uffizi. Mentre le esperte del Museo di Roma e di Capodimonte controllavano ogni parte dell’opera (cornice, pittura, supporto) adagiata su un tavolo apposito, illuminato da luce radente, i tecnici hanno spostato gli altri due quadri della parete per dare al nuovo arrivato la posizione centrale. Un lavoro svolto con grande attenzione, durato ben due ore, che alla fine ha visto prendere vita un inedito raffronto di incredibile intensità tra due opere di Artemisia particolarmente ispirate e iconiche. Del resto la Gentileschi, in realtà pittrice grandissima, è soprattutto conosciuta e amata quale simbolo di donna capace di riscattarsi da violenze e pregiudizi, che ben si rispecchia nel soggetto di Giuditta che decapita Oloferne. Proprio nella prima versione è ancora oggi palpitante la partecipazione dell’artista a quel clima di vendetta crudele, spietata, ma giusta con cui essa ammanta la vicenda biblica, per secoli interpretata in modo assai diverso.

N.Castagni – Ansa, Due Giuditta-Oloferne Artemisia, insieme