Economia

Italia: consumi ai livelli del ’99

(Avvenire, 13/12/14) – Nel 2014 i consumi in Italia si attesteranno a 813 miliardi di euro, un valore vicino in termini reali a quello del 1999, con una lieve crescita, lo 0,2% in più, rispetto allo scorso anno ed una prospettiva di un miglioramento dell’1% all’anno nel 2015 e nel 2016. È quanto risulta dal nuovo Rapporto del Club Consumo di Prometeia che, se da un lato segnala l’inversione di tendenza, dall’altro sancisce il cammino a ritroso percorso con la crisi, con 66,5 miliardi di consumi persi tra il 20007 ed il 2013 ed un divario tra Nord e Sud che cresce sempre di più. A parità di spesa media, dice infatti il Rapporto, nel Meridione tra il 2007 e il 2013, è come se fossero “spariti” in termini di consumi 708mila famiglie.

Per il Natale, tradizionale momento di spinta ai consumi, la Confcommercio prevede che ci sarà meno spesa ma più tecnologia. Tre italiani su cinque ridurranno il budget a disposizione per i regali rispetto allo scorso Natale e un consumatore su tre spenderà meno di 100 euro con una spesa media di 171 euro. In aumento gli acquisti online (+7,9% sul 2013) e quelli di smartphone e tablet. Tornando al rapporto Prometeia, in termini assoluti la ripresina dei consumi registrata quest’anno vale 1,2 miliardi di euro, mentre nei prossimi due anni la crescita varrà 14 miliardi di euro.

L’impatto positivo dell’Expo milanese nel 2015 sosterrà le spese legate al turismo e, tramite gli acquisti effettuati dai visitatori stranieri, potrà anche contribuire parzialmente alla ripresa dei consumi di beni del comparto moda. I trend demografici, infine, continueranno a sostenere le spese legate alla salute. Prometeia avverte però che sono tuttavia lontane dall’essere risolte molte delle criticità che hanno caratterizzato gli ultimi anni, prime fra tutte quelle legate al lavoro e la fiducia per il futuro e sottolinea l’elemento di rischio che arriva dal divario tra nord e sud. Un fattore si legge nel rapporto “che rischia di compromettere la tenuta sociale e demografica delle regioni meridionali”. Una situazione che, spiega il capo economista di Prometeia, Andrea Dossena, “rappresenta l’ostacolo maggiore ad una reale e duratura ripresa della domanda per consumi in Italia”.

Original source: http://www.avvenire.it/Economia/Pagine/consumi-prometeia.aspx

Other international contexts

Iscriviti al nostro canale

Onda International Facebook page