Liguria

Il Progetto T.R.I.G-Eau nel Parco di Portofino

Il Progetto T.R.I.G-Eau nel Parco di PortofinoComunicato Stampa, 07/11/17) – Si svolgerà il 9 e il 10 novembre, a Santa Margherita Ligure, nella sede del Parco il secondo Comitato di pilotaggio del progetto transfrontaliero T.R.I.G-Eau (Transfrontalierità, Resilienza, Innovazione & Governance per la prevenzione del Rischio Idrogeologico), finanziato dal Programma Italia-Francia Marittimo 2014-2020 che riunisce partner italiani e francesi nell’identificazione di adeguate strategie per la prevenzione e mitigazione del rischio idrogeologico in ambiti urbani e semi-urbani. Al progetto partecipano l’Ente Parco di Portofino e il Comune di Camogli e proprio nella sede del Parco, a Santa Margherita si svolgeranno gli incontri tecnici fra i partner appartenenti al settore pubblico e privato delle Regioni Liguria, Sardegna, Toscana e PACA, coordinati dal Consorzio di Bonifica 5 Toscana Costa.

Il progetto T.R.I.G-Eau, avviato ufficialmente il 31 marzo scorso e destinato a concludersi nel 2020, mira a sperimentare soluzioni di governance amministrativa e pratiche innovative per migliorare la capacità di resilienza dei territori nei confronti dei sempre più numerosi fenomeni di esondazione. Se tradizionalmente infatti la riduzione del rischio idrogeologico è passata attraverso la scelta di soluzioni e approcci di natura “interventistica”, T.R.I.G-Eau propone la riduzione degli interventi strutturali di difesa e artificializzazione dell’habitat fluviale per favorire azioni che assicurino la riappropriazione e la rinaturalizzazione degli spazi.

La giornata del 9 novembre sarà dedicata alla presentazione dei principali risultati delle attività progettuali svolte nei primi sei mesi di attività, in particolare l’analisi di contesto integrata, ovvero la ricognizione della policy europea, nazionale (Italia e Francia) e regionale (per gli ambiti di partenariato) sulla prevenzione, mitigazione e gestione del rischio idrogeologico e alla condivisione degli strumenti di comunicazione, progettati dall’Ente Parco di Portofino, quale responsabile tecnico dell’attività.
La giornata del 10 novembre servirà a ratificare decisioni amministrative e finanziarie circa la gestione del progetto e a programmare i prossimi sei mesi di attività.