Liguria

Santuario di Montallegro: “Voglio essere onorata qui”

Santuario di Montallegro: "Voglio essere onorata qui"(S.Rosellini – Il Secolo XIX, 15/07/16) – “Voglio essere onorata qui”, sono le parole che si ritiene la Madonna abbia detto al veggente Giovanni Chichizola il 2 luglio del 1557. E nemmeno stavolta il quadretto che la tradizione e la fede vogliono essere stato lasciato da Maria è stato portato altrove.

C’è stato, però, un inquietante tentativo di furto . I ladri conoscevano il valore, non tanto materiale, ma simbolico, della tavoletta venerata nel Tigullio da oltre 450 anni? Non si sa ma sicuramente per arrivarvi hanno voluto superare un percorso a ostacoli: sollevato il paletto del cancello alla destra dell’ingresso principale, usato un seghetto per tagliare la sbarra trasversale che ostacolava l’apertura della seconda porta, forzata la porta che dalla sacrestia fa accedere all’altare del santuario di Montallegro. All’interno gli ignoti hanno prelevato le offerte contenute nelle relative cassette: forse non molti soldi, visto che erano state svuotate domenica scorsa, dopo la cerimonia dello scioglimento del voto. Hanno prelevato le pissidi (i grandi calici che contengono l’Eucarestia) conservate nel tabernacolo dell’altare, buttando per terra le ostie consacrate. Hanno anche forzato la prima delle due barriere che proteggono il quadretto, regolarmente calate la sera precedente dai custodi, Volodimir e Oxana Chapran.

Al mattino, tutto a soqquadro, l’apparenza diceva che la teca dell’icona era vuota: «Sino a dopo l’1 ero sveglio», spiega Volodimir. I ladri possono essere entrati dopo, o non essere stati sentiti, in una notte di pioggia e vento. I carabinieri della compagnia di Santa Margherita, coordinati dal maggiore Antonio De Rosa, vogliono anche verificare cosa sia successo all’allarme: «Salta regolarmente, quando c’è il temporale», riferisce però il rettore, don Salvatore Orani, raggiunto telefonicamente, perché ieri si trovava fuori Rapallo, dove doveva rimanere alcuni giorni. Ieri mattina, gli veniva riferito che il quadretto era scomparso. Rubato. In realtà, le verifiche dei carabinieri, nucleo di investigazione scientifica e nucleo tutela del patrimonio artistico, dopo qualche ora hanno dimostrato che c’era una seconda barriera, che non era stata scalfita ma non forzata, e il quadretto era rimasto sempre lì dietro.

S.Rosellini – Il Secolo XIX, Santuario di Montallegro: “Voglio essere onorata qui”