Liguria

Al Salone Nautico con i gioielli made in Riviera

Al Salone Nautico con i gioielli made in Riviera

(E.Meoli – Il Secolo XIX, 30/09/20) – Quest’anno quello di Genova non sarà solamente il Salone Nautico più grande del Mediterraneo. Molto più banalmente sarà l’unico, visto che il Covid ha fatto alzare bandiera bianca alle rassegne competitor, Cannes e e Monaco. Per questo l’occasione dell’evento genovese è di quelle da prendere al volo e la pattuglia delle aziende del Levante sarà ancora più forte ed agguerrita che in passato. Come non mancano di sottolineare gli addetti ai lavori: «Il complesso percorso che ci porta al Salone Nautico di quest’anno – dice Saverio Cecchi, Presidente Confindustria Nautica – non sarebbe stato possibile senza le aziende del settore che hanno creduto nel progetto, alle quali va il mio ringraziamento, per essere a Genova non solo a rappresentare l’eccellenza del Made in Italy, ma anche per partecipare attivamente al rilancio dell’economia e dell’immagine del Paese».

Due i cantieri del territorio che porteranno a Genova le loro nuove imbarcazioni made in Tigullio, avendo come trait d’union la griffe ligure più conosciuta al mondo: quella che si richiama a Portofino. Così la Mussini Portofino e la Portofino Marine saranno alla Fiera di Genova con veri gioiellini a motore. Mussini Portofino, che prende il nome dal suo fondatore Giorgio Mussini che ancora oggi fa parte dello staff si occupa anche di rimessaggio e refitting eseguito presso i cantieri di Rapallo. Ma il fiore all’occhiello dell’azienda è il reparto produzione, iniziato negli anni Settanta con l’Utility Portofino barca totalmente realizzata in legno. Oggi sono apprezzate e presenti al Salone le ammiraglie del cantiere: Paraggina 10 e Paraggina Tender Line le nuove imbarcazioni che raggiungono i 10 metri. L’intenzione del cantiere è stata quella di poter accontentare anche la clientela più esigente, consentendogli di trascorrere giornate in mare nel più completo comfort. La Portofino Marine di Lavagna, con il cui marchio vengono attualmente prodotte sei linee di imbarcazioni, punta tutto su tecniche di costruzione classiche e artigianali. Ultimo nato, presente al salone è il Portofino 38 Fly, yacht in grado di coniugare potenza e qualità, senza rinunciare ad eleganza e grandi spazi garantendo così una navigazione all’insegna di confort e sicurezza. Caratteristica di questo nuovo modello di Portofino Marine, è il prendi sole a prua con finestratura, chiudibile con cuscino in dotazione per prendere il sole, che consente di illuminare di luce naturale la cabina armatoriale dotata di un grande letto centrale.

Restando alle imbarcazioni, Pedetti Yacht che ha sede nel Porto di Lavagna, rivenditore esclusivo di Sasga Menorquin Yacht, porterà a Genova il Menorquín 34 HT, che con i suoi 10 metri di lunghezza, poco più di 8 tonnellate di peso e un pescaggio di soli 111 centimetri è l’ideale per scoprire gli angoli più nascosti della costa. Da Lavagna Sundeck Yachts punta sui nuovi modelli trawler, che ridefiniscono il tradizionale concetto di navetta: bassi consumi, costi di manutenzione ridotti al minimo, l’autonomia ideale per le crociere più prolungate e la stabilità giroscopica per navigare sempre in massima sicurezza e comfort sia all’ancora che in navigazione o anche quando, si va veloci, portando lo scafo in planata fino a raggiungere andature prossime ai 25 nodi. Sempre da Lavagna arriva Sunseeker Italy con il nuovo Manhattan 52 proclamato vincitore del Motor Boat Award 2017 nella categoria flybridge fino a 55 piedi. L’innovativo design, tutto orientato all’ampiezza delle zone living, afferma un nuovo standard per i modelli Flybridge più piccoli.

E.Meoli – Il Secolo XIX, Al Salone Nautico una fetta di futuro con i gioielli made in Riviera

Our best book

YouTube Channel

Send this to a friend