Favorites Society

Da Gubbio a Salerno le luci di Natale

(Ansa, 07/12/18) – Dall’albero di Natale più grande del mondo di Gubbio al Light Music Show di Bressanone, dalle luci d’artista di Salerno e Torino alle fiaccole di Abbadia San Salvatore e le candele di Candelara. Fino alla meraviglia del presepe luminoso di Manarola alle Cinque Terre. Se il Natale è emozione, calore e fratellanza, la magia universale passa soprattutto dalle luci. Dai lumini nelle chiese alle candele nelle case fino alle proiezioni spettacolari, installazioni e sculture di luce, scenografie urbane a tema natalizio.

"Si tratta di vere opere d'arte - spiega Massimo Feruzzi della società di ricerche turistiche Jfc che ha condotto uno studio sull'argomento - che 'giocano' sul tema della luce. In Italia non si tratta solo di installazioni luminose, ma anche di fiaccole e fiammelle di cera: sono una decina gli appuntamenti capaci di creare attrazione turistica su questo tema. Appuntamenti che durante queste festività genereranno un valore economico complessivo pari a 67 milioni 590 mila euro, grazie ai 2 milioni 475 mila visitatori e segnando un incremento di ben il 23,5% rispetto allo scorso anno. In crescita i turisti stranieri, svizzeri ed americani in particolare. Sul totale dei visitatori, 321 mila persone si fermeranno a dormire nella località, generando 592 mila presenze turistiche".

L'antesignano di tutti gli eventi dedicati alla luce sembrerebbe la Fete des Lumières di Lione, che nasce sostanzialmente nel 1852 con l'illuminazione spontanea delle case da parte degli abitanti, a manifestare la loro volontà di riprendere una celebrazione religiosa che era stata più volte sospesa per maltempo. Da allora il rituale si ripete ogni anno, diventando oggi un evento straordinario che coinvolge 184 artisti e ha generato, lo scorso anno, ben 1 milione 800 mila visitatori nei quattro giorni di evento.

Su questa linea si sono affermati negli anni anche altri appuntamenti internazionali: dall'Amsterdam Light Festival (che si caratterizza per le opere di artisti provenienti da 16 diversi Paesi che resteranno accese simultaneamente per 53 giorni sino al 20 gennaio e che lo scorso anno ha superato 1 milione di presenze) al Lux di Helsinki (dal 5 al 9 gennaio vi saranno 11 installazioni artistiche ma anche i residenti potranno partecipare con proprie opere; lo scorso anno vi sono stati più di 500 mila visitatori); dal Festival delle Luci di Losanna al Glow Festival di Eindhoven.

Ecco alcuni dei principali appuntamenti di luce in Italia, presi in esame dallo studio Jfc: - l'Albero di Natale di Gubbio, fino al 13 gennaio - Luci d'Artista di Salerno, fino al 20 gennaio - Luci d'Artista di Torino, fino al 13 gennaio - Candele a Candelara, fino al 16 dicembre - Light Festival di Firenze, fino al 6 gennaio - Light Music Show di Bressanone, fino al 6 gennaio - Favole di Luce a Gaeta, fino al 20 gennaio - Magic Light Festival di Como, fino al 6 gennaio - Meraviglioso Natale a Polignano a Mare, fino al 6 gennaio - le Fiaccole di Abbadia San Salvatore, fino al 6 gennaio.

Da segnalare anche altri due appuntamenti site specific che, nati quest'anno, sono destinati a diventare a breve forti attrattori turistici. Si tratta nello specifico delle luminarie artistiche di Bologna, che lungo via D'Azeglio omaggiano Lucio Dalla e la sua canzone "l'Anno che verrà", riportandone i versi, e del Natale delle Emozioni, che sviluppa nel "cuore storico" della più antica Repubblica del mondo, San Marino, oltre 10 km di luci e paesaggi fiabeschi grazie a proiezioni, installazioni e boschi incantati.    

Ansa, Christmas Light, da Gubbio a Salerno le luci di Natale