(Misna, 30/11/15) – “Tra cristiani e musulmani siamo fratelli”: lo ha detto oggi Francesco, incontrando nella moschea centrale di Bangui la comunità musulmana e sottolineando il suo “no” alla violenza, “in particolare a quella che è perpetrata in nome di una religione o di Dio”.

Accolto da cinque imam ai margini dell’area della moschea riservata alla preghiera, il Papa ha fatto riferimento al conflitto civile divampato nella Repubblica Centrafricana alla fine del 2012. “Sappiamo bene – ha detto – che gli ultimi avvenimenti e le violenze che hanno scosso il vostro paese non erano fondati su motivi propriamente religiosi. Chi dice di credere in Dio dev’essere anche un uomo o una donna di pace. Cristiani, musulmani e membri delle religioni tradizionali hanno vissuto pacificamente insieme per molti anni. Dobbiamo dunque rimanere uniti perché cessi ogni azione che, da una parte e dall’altra, sfigura il volto di Dio e ha in fondo lo scopo di difendere con ogni mezzo interessi particolari, a scapito del bene comune”.

Il Papa ha poi evidenziato che “in questi tempi drammatici i responsabili religiosi cristiani e musulmani hanno giocato un ruolo importante per ristabilire l’armonia e la fraternità tra tutti”, compiendo gesti di solidarietà e accoglienza verso i loro compatrioti di altra fede.

Diversi anche i riferimenti alla transizione politica in corso a Bangui. “Non si può che auspicare – ha detto Francesco – che le prossime consultazioni nazionali diano al paese dei responsabili che sappiano unire i centrafricani, e diventino così simboli dell’unità della nazione piuttosto che i rappresentanti di una fazione. Vi incoraggio vivamente a fare del vostro paese una casa accogliente per tutti suoi figli, senza distinzione di etnia, di appartenenza politica o di confessione religiosa”.

Dopo l’incontro con la comunità musulmana, nel quartiere di Pk5, il Papa celebrerà una messa nello stadio di Bangui, ultimo momento del suo primo viaggio in Africa.
Original source: http://www.misna.org/copertina/il-papa-tra-cristiani-e-musulmani-siamo-fratelli-30-11-2015-813.html